KKL Italia Onlus

News

Convegno “Riformare il C.S.M. – Riformare la Giustizia”

Si è svolto venerdi presso Palazzo San Macuto il convegno “Riformare il C.S.M. – Riformare la Giustizia” con ospite d’onore il nostro Presidente KKL Italia Sergio Castelbolognesi.

Di seguito il suo discorso:

Un sentito ringraziamento a Stefano Amore per avermi invitato ad un evento di così grande rilievo.
Mi sono domandato, in diverse occasioni, cosa leghi il rappresentante di un ente ecologico come KKL (Ente Nazionale Ebraico) con un concetto impegnativo come quello della Giustizia.
La risposta che mi sono dato sta nella storia stessa del KKL e del popolo ebraico.
Uno dei concetti fondamentali dell’Antico Testamento è, infatti, quello di “giustizia”. Come mi ha giustamente ricordato un caro amico, per gli ebrei la giustizia va di pari passo con la responsabilità. E’ scritto: “Col Israel arevim ze la ze”, “ogni ebreo è responsabile dell’altro”, è garante dell’altro.
E quando si parla di ebraismo, non si parla mai di singolo, bensì di “ kelal Israel” ossia della collettività ebraica; ogni ebreo è quindi responsabile di tutto il resto del popolo.

Ecco perché il rappresentante di un ente ebraico che guarda all’ecologia è qua oggi.
Con l’ecologia cerchiamo di essere “giusti”.

L’esposizione EXPO 2015 e lo Stand di Israele (alla cui realizzazione KKL ha contribuito in maniera sostanziale) ha permesso a milioni di persone di comprendere quanto lavoro è stato fatto nell’interesse della popolazione mondiale, per la salvaguardia e la sostenibilità ambientale.
Noi siamo orgogliosamente fieri che il KKL sia in primissima linea in questo lavoro, finanziando 5 centri di ricerca e sviluppo (Research & Development) nel nord e nel sud di Israele. In questi centri si sta alacremente studiando come far crescere alberi da frutta e svariate verdure con l’acqua salata, come ridurre l’utilizzo di acqua dolce per far crescere alberi e come coltivare prodotti agricoli senza l’uso di pesticida. E molto altro ancora.
Pensate all’irrigazione goccia a goccia, frutto degli studi di ricercatori israeliani. Un’invenzione semplice, ma straordinaria.
Nei centri di ricerca di KKL, a seguito dell’invenzione dell’irrigazione goccia a goccia, è stato creato un sensore, che inserito nel terreno, segnala quando un albero o una pianta necessitano acqua e automaticamente si attiva il sistema di irrigazione.
Tutto il lavoro del KKL viene e verrà sempre condiviso con qualunque Stato del mondo voglia avvantaggiarsene: questo è il grande obiettivo che il nostro Ente e lo Stato di Israele si prefiggono, per un domani migliore per tutti.

È per un domani migliore che siamo qui oggi.
E per questa ragione non possiamo non ricordare quei 27 magistrati italiani che sono stati barbaramente uccisi dalla criminalità organizzata.
Lo scorso 6 settembre 2017, grazie all’iniziativa di Stefano Amore e di Piercamillo Davigo, abbiamo organizzato in Israele una cerimonia bellissima e commovente in ricordo dei vostri colleghi assassinati. Abbiamo piantato 27 alberi in loro ricordo nella Foresta presidenziale di Tsorà, vicino a Gerusalemme, e oggi una bellissima stele li ricorda, in una Terra che è patrimonio dell’umanità e che gli israeliani e il KKL fanno di tutto per proteggere e migliorare.
E’ consuetudine degli ebrei donare alberi in tutte le occasioni, che siano felici o tristi, perché l’albero è sinonimo di vita e il KKL segue il dettato della Bibbia: “Pianterò cedri nel deserto, acacie, mirti e ulivi, porrò nella steppa cipressi, olmi, insieme con abeti, perché vedano e sappiano, considerino e comprendano a un tempo che questo ha fatto la mano del Signore, lo ha creato il Santo d’Israele”.
Proseguiremo questo percorso di memoria e testimonianza in Sicilia, il prossimo 5 luglio, e poi a Roma a inizio ottobre, grazie alla sensibilità del Comune.
Perché la Giustizia è il fondamento, prima che di ogni società, della nostra umanità.

Come puoi sostenerci

Leggi di più

Iscriviti alla nostra Newsletter