KKL Italia Onlus

News

In arrivo la carta senza cellulosa grazie alla paglia

carta senza cellulosa paglia

Secondo recenti stime circa il 40% delle foreste mondiali vengono costantemente sfruttate anche se la carta non risulta essere il principale motivo di disboscamento.

Sembra infatti che i fattori principali siano agricoltura e industria del legno.

Riuscire a trovare una pratica che consenta di creare un tipo ti carta senza l’utilizzo della cellulosa rimane, allo stesso tempo, una possibilità di aiuto concreto alle foreste e a tutto l’ambiente in generale.

Ad oggi una soluzione possibile esiste. Occorre utilizzare materiali sostitutivi perché va considerato che gran parte della cellulosa è ottenuta dagli alberi (circa il 50%) mentre il resto deriva da: erba, stracci di cotone e di lino, residui della lavorazione del legname, dalriciclo di giornali e imballaggi, solo per citarne alcuni.

Da ciò si evince che i prodotti cartacei possono anche essere realizzati senza l’utilizzo della cellulosa. Dunque è bene sfruttare la possibilità di riusare materie riciclate. Ad esempio, i residui di paglia si sono dimostrati utili dopo aver soddisfatto le esigenze primarie del terreno e degli animali.

Ogni anno sono circa 1 milione di tonnellate le rimanenze di paglia e questa cifra risulta sufficiente a soddisfare indicativamente il fabbisogno di carta in Nord America senza deturpare le foreste.

Con questa pratica si arriverebbe ad evitare che 830 milioni di alberi vengano sradicati.

Alberi e foreste svolgono un’importantissima funzione, che spesso viene dimenticata, contribuendo a purificare l’aria, emanando ossigeno e assorbendo anidride carbonica dall’atmosfera.

Ogni giorno si assiste alla distruzione di alberi e foreste, all’inquinamento dell’atmosfera e dell’acqua, senza che l’uomo riesca a fare nulla di concreto per impedirlo.

Ciò che occorre ricordare è che la natura va protetta e non distrutta.

Come puoi sostenerci

Leggi di più

Iscriviti alla nostra Newsletter