KKL Italia Onlus

News

Attivisti dell'UE sui diritti umani visitano i siti del KKL

Nell’ambito delle sue molteplici e diverse attività a beneficio di tutti i cittadini di Israele, il KKL è coinvolto in una serie di progetti in tutto il paese per promuovere la convivenza tra ebrei e arabi. Due principali attivisti europei dei diritti umani hanno recentemente visitato un certo numero di questi progetti e si sono resi conto di come l’ambiente possa essere un ponte tra le persone.

“Sono molto impressionato da quello che ho visto, in particolare per dove siamo stati oggi. I progetti del KKL che ho visitato mi hanno dato un motivo per sperare”, ha detto Willy Fautre, il direttore di “Human Rights Without Frontiers”, che è stato invitato dal KKL per una breve visita in Israele insieme ad Amanda Paul, politica analista del Centro di politica europea. Fautre ha proseguito: “Come organizzazione per i diritti umani, vogliamo vedere l’impatto dei diritti umani in diverse comunità, quindi sono stato molto felice quando il KKL ci ha invitato a visitare Israele! Vedo un certo parallelismo tra il settore ebrei e arabi di Israele e le comunità di lingua francese e fiamminga del mio paese, il Belgio.[…] Io credo che a lungo andare, le attività di raccordo contribuiranno al miglioramento delle relazioni. E’ importante promuovere gradualmente i progetti e le attività in qui il KKL è coinvolto. Purtroppo, tutto ciò non fa notizia sulla CNN, anche se a mio parere, sarebbe stato molto meglio concentrarsi su queste iniziative positive”, ha concluso Fautre.

L’itinerario comprendeva visite ai progetti del KKL a beneficio di tutti i cittadini di Israele, diversi incontri con il personale del KKL e, infine, una cena con il Presidente mondiale del KKL, Efi Stenzler, e il Direttore Esecutivo delle risorse e dello sviluppo, Avi Dickstein, accompagnato da Talia Tzour, direttore del Dipartimento Maggiore Donatori del KKL. Gli ospiti hanno visitato il Negev, continuando poi a Nord di Israele.

Giovedi mattina, gli ospiti sono stati accolti nella riserva di Yad Hanna, vicino all’impianto di purificazione, da Umberto Yaakov, il direttore dello stabile.Questa installazione si trova proprio al confine tra Israele e l’autorità palestinese, accanto alla recinzione di sicurezza. Umberto ha spiegato che prima che il recinto fosse stato costruito, gli abitanti del kibbutz Yad Hannah erano costantemente sotto attacco e molti attentatori suicidi si erano infiltrati nel loro viaggio verso la vicina Netanya.
Con l’aiuto del KKL, la costruzione del impianto è stata completata nel 2003. Il suo scopo è quello di trattare il liquame che va da Nablus e Tulkarem nel fiume Alexander. In origine, era stato concepito come un modello di cooperazione tra Israele e palestinesi, ma purtroppo, data la Seconda Intifada, l’Autorità Palestinese ha rifiutato di parlare con Israele. Umberto ha avvertito che “l’impianto è stato costruito con una capacità di trattamento di 9.000 metri cubi di liquami, ma siamo già fino a 14.000 metri cubi, e la quantità di rifiuti è in aumento ogni giorno. Il KKL si è dimostrata un’organizzazione eccellente e ci ha sostenuto, ma se non restauriamo immediatamente l’impianto, sarà solo una questione di tempo fino a quando non collasserà e il fiume Alexander tornerà ad essere solo un altro flusso inquinato. Abbiamo bisogno di una soluzione adesso. “

La tappa successiva è stata nell’agriturismo di Lotem, nel parco di Ramat Menashe che l’UNESCO ha riconosciuto come prima riserva di biosfera di Israele, due anni fa. Il parco si estende su una superficie di 84.000 dunam tra foreste, boschi, una riserva naturale, torrenti, sorgenti, campi coltivati, pascoli e comunità rurali.
L’agriturismo di Lotem, si trova nella Valle della Pace su un tratto di terreno originariamente acquistato da due cristiani tedeschi. Oggi l’azienda è un modello di convivenza, dove i bambini ebrei, musulmani, drusi e cristiani con esigenze speciali vengono a conoscere e sperimentare l’antica agricoltura. Il sito, che è completamente accessibile alle persone su sedia a rotelle, comprende una cantina dove si fa il vino, un frantoio dove viene prodotto l’olio, una ruota ad acqua e terrazze. C’è anche una panetteria, dove i bambini possono partecipare a tutte le fasi della produzione del pane, dalla mietitura del grano fino a quando il pane aromatico caldo sarà cotto.
Talia ha osservato che molte delle attività nella fattoria di Lotem sono state rese possibili con l’aiuto della società femminile “Sapphire”, della JNF statunitense. Aviv, che lavora presso l’azienda agricola e ha fatto fare un giro agli ospiti, ha aggiunto che senza KKL “l’azienda semplicemente non esisterebbe. Abbiamo recentemente iniziato un nuovo progetto, portando qui tutte le donne arabe ed ebree maltrattate, ed è davvero un’esperienza di guarigione e di legame per loro”.

Yaakov Arak, guardiaboschi del KKL, ha salutato gli ospiti davanti all’eccezionale torrente di Hashofet Nahal, in Israele, dove l’acqua scorre tutto l’anno. Willy Fautre, si è dimostrato stupito quando Yaakov gli ha detto che le foto aeree di questo sito verdeggiante, 70 anni fa, mostravano solamente le colline desolate e spoglie. “Infatti,” ha osservato Yaakov, “questo è stato il primo sito che il KKL ha reso interamente accessibile alle persone con diverse disabilità. Da allora, con il supporto dei nostri amici in tutto il mondo, stiamo rendendo tutti i nostri siti accessibili ed diventata la nostra politica, per quanto possibile “.

Dopo il pranzo al Yokne’am, gli ospiti hanno incontrato il dottor Shlomo Kimche e Hanadi Hijriss, membri dell’associazione TAEQ, che si trova nella città araba di Sachnin. TAEQ è un’organizzazione che serve le città arabe locali e i villaggi. Le attività didattiche, scientifiche e di consulenza del TAEQ, servono a promuovere lo sviluppo sostenibile, aumentando la consapevolezza del pubblico e l’azione su base comunitaria in materia ambientale. E ‘un luogo dove arabi ed ebrei israeliani collaborano a numerose iniziative volte a proteggere l’ambiente che li accomuna, la costruzione di una base per un ambiente sostenibile che può essere condiviso in pace.

Il Dr. Kimche ha mostrato agli ospiti una delle tante iniziative ambientali del centro, tra cui le aree umide artificiali costruite con l’aiuto del KKL. Il liquame viene trattato con una serie di filtri biologici composti da sabbia e varie piante, mentre la purificazione avviene sulla base di gravitazione, senza prodotti chimici o energia. Il KKL sostiene anche la ricerca e lo sviluppo del centro, ed infine, sta lanciando un nuovo progetto congiunto con il TAEQ, riguardante la riabilitazione del ruscello Nahal Hilazon, poco distante.

In risposta a una domanda di Amanda Paul, Hanadi ha detto che oltre 35.000 visitatori l’anno arrivano al centro: “Gli studenti di dieci scuole ebraiche e arabe vengono qui, e alcuni di loro stanno costruendo aree umide artificiali nelle loro scuole. Noi non facciamo parlare di politica, ma di ambiente per il nostro futuro. Stiamo costruendo fiducia, ed è un processo graduale. Come risultato, lavorando insieme su progetti ambientali, una scuola ebraica di Carmiel e una scuola araba di Madj-el-Krum hanno formato una band e ora fanno concerti insieme. Non è facile, ma il nostro obiettivo è quello di costruire relazioni tra arabi ed ebrei che continuerà per conto proprio, in futuro, senza il nostro coinvolgimento “, ha concluso Hanadi.

L’ultimo incontro della giornata ha avuto luogo a Baka al Garbia, dove gli ospiti hanno incontrato l’ex ministro del governo, Raleb Majadele, per un dibattito franco e aperto sulle relazioni ebraico-arabe in Israele nel passato, presente e futuro.
Riassumendo le sue impressioni di due giornate di turismo intensivo, Amanda ha detto che questa era stata la sua prima occasione di venire in Israele: “Ero molto curiosa di vedere e sentire il paese, di incontrare persone che mi avrebbero potuto dare idee su come vedono la complessa situazione qui. Credo che la pace e la convivenza siano create dal basso verso l’alto, dal livello di base. Non sapevo del KKL e di qualsiasi cosa faccia l’organizzazione in Israele. Devo dire che quello che ho imparato nel corso degli ultimi due giorni è stato stimolante e molto strabiliante. “

Come puoi sostenerci

Leggi di più

Iscriviti alla nostra Newsletter