KKL Italia Onlus

News

Comunicato Stampa – Mano nella Mano

KKL presenta la mostra fotografica di Carlo Mogiani.

“Mi ha colpito come tutti si tengano per mano – racconta Carlo Mogiani – Sempre in ogni vicolo, in ogni piazza, si cammina mano nella mano”.

Il KKL Italia Onlus, la più antica organizzazione ecologica al mondo, presenta “Mano nella Mano”: la raccolta fotografica di Carlo Mogiani che rende omaggio all’impegno costante, alla sorgente da cui sgorga il supporto materiale e spirituale verso Israele. Tutta la produzione fotografica di Mogiani arriva al cuore delle persone per la forte spontaneità: racconta Israele, scatti di vita, progetti, il mondo del KKL, un messaggio di pace e la realtà di una istituzione che da sempre cammina “mano nella mano”.

L’auspicio che aveva David Ben Gurion “Faremo fiorire il deserto” nel 1930 non era pura retorica: ha concretamente acceso l’immaginazione degli agricoltori israeliani, per il KKL una delle chiavi del successo ecologico e uno dei principali obiettivi da conseguire. Il KKL, dal 1901, dona vita a vaste distese aride, trasformando il deserto in terreno fertile anche per le coltivazioni che daranno poi sostentamento alle popolazioni locali: nuove comunità, parchi, sentieri, strade sicure, punti verdi e di incontro per famiglie, polmoni verdi aperti ad attività adatte a tutta la popolazione, dai bambini agli adulti sino ai portatori di handicap ai quali sono dedicati siti completamente accessibili.

Il KKL è leader nello sviluppo di tecnologie e competenze in molteplici settori: dall’agricoltura alla selvicoltura, dalla ricerca scientifica al trattamento e allo sfruttamento delle risorse idriche. I contributi di ricercatori e scienziati israeliani non vengono utilizzati solo in Israele, ma considerati vantaggi preziosi a favore di tutta l’umanità, come testimoniano le numerose collaborazioni nei Centri di Ricerca e Sviluppo (R&D) nelle Università di tutto il mondo. Il verde di Israele è la prova concreta di come il KKL investe le proprie risorse in un ampio programma ambientale: porta avanti un progetto forestale senza precedenti, un miracolo che vede piantati oltre 250 milioni di alberi. Nella tradizione ebraica piantare un albero è simbolo di pace, fratellanza, rappresenta la continuità della vita, come segno tangibile di amore verso la terra e la natura.

L’occhio-obiettivo di Mogiani evidenzia non solo la spinta innovativa che caratterizza Israele, ma lo spirito avveniristico con il quale mano nella mano si realizzano gli obiettivi condivisi. Da 119 anni il nostro impegno è salvaguardare il pianeta, attraverso l’amore per la natura e l’ambiente.

La mostra “Mano nella Mano” è stata inaugurata ieri, giovedi 9 gennaio e sarà esposta negli spazi del Corner MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma fino al 25 gennaio 2020.

“Mano nella mano: queste brevi parole sono in grado di descrivere bene la potente impresa del KKL, che ormai da oltre un secolo, cammina mano nella mano con il popolo ebraico e lo Stato d’Israele, e li aiuta a realizzare le loro speranze – ha dichiarato S.E. Ambasciatore di Israele in Italia Dror Eydar durante l’inaugurazione della mostra – I momenti che Carlo Mogiani ha immortalato con il suo obiettivo, hanno fatto quel che diceva il poeta francese Charles Baudelaire: trasformare il transitorio in eterno. Questi scatti, ci mostrano i contenuti sociali e nazionali, che abbiamo costruito su queste terre, che il KKL ha contribuito ad acquisire. L’opera meritoria del KKL ci ricorda il segreto della nostra esistenza: siamo rimasti vivi e saldi nella storia, proprio perché ricordavamo la nostra terra, ne abbiamo avuto nostalgia quando era in mani straniere, e, quando abbiamo potuto, l’abbiamo riscattata, e vi abbiamo fatto ritorno”.

Insieme all’artista Carlo Mogiani, all’inaugurazione hanno preso parte il Presidente del KKL Sergio Castelbolognesi, il Vicepresidente Daniel Hayon, S.E. Ambasciatore di Israele in Italia Dror Eydar, il Segretario Generale del MAXXI Pietro Barrera, il Rabbino Capo Riccardo Di Segni, il Presidente della CER Ruth Dureghello, Anat Gold Director Planning Division KKL Gerusalemme.

“Gerusalemme non è un posto come tanti altri: è una città unica al mondo, di una bellezza profonda, che emana un’energia straordinaria. E ricordo che la prima cosa che mi colpì di che tutti nel quartiere ebraico si tenevano per mano – ha dichiarato Carlo Mogiani durante l’inaugurazione – Il primo viaggio mi ha colpito, sorpreso. Il successivo, quello con il KKL, mi ha fatto innamorare di Israele: mi ha mostrato la bellezza di un paese che da un secolo sta letteralmente costruendo il proprio territorio germoglio dopo germoglio, creando il verde laddove c’era il deserto. Mi ha mostrato la perseveranza e la forza d’animo di un popolo che non si arrende di fronte alle avversità e i nemici, che circondato si stringe ancora più forte, e insieme, superando le differenze, mano nella mano, riesce a realizzare l’impossibile”.

Come puoi sostenerci

Leggi di più

Ricevi la nostra Newsletter

Clicca qui per iscriverti