KKL Italia Onlus

News

Nutrire la mente, nutrire il corpo. Le bufale dell’alimentazione

IMG_9658

Al Padiglione d’Israele, il 22 ottobre, si è svolto il convegno sul tema “Nutrire la mente, nutrire il corpo, le bufale dell’alimentazione”. In apertura, è stato proiettato il video sui 114 anni del KKL sulla sua importante opera: dalla gestione e conservazione dell’acqua, alla creazione di 230 bacini idrici, ricerca di tecnologie che consentono maggiore produzione agricola a beneficio della crescente popolazione mondiale e la condivisione delle conoscenze tra esseri umani per il miglioramento della qualità della vita.

Il Presidente uscente del KKL Milano, Silvio Tedeschi ha accolto il pubblico parlando dell’esperienza EXPO, giunta quasi al termine: grande soddisfazione per i 18 eventi KKL svolti nei sei mesi, che hanno consentito lo scambio di idee e di conoscenze con moltissime persone, anche tra i rappresentati dei diversi Paesi presenti in EXPO.

La moderatrice Michela Proietti, giornalista del Corriere della Sera, ha presentato gli ospiti: Prof. Luca Bernardo, Responsabile del Dipartimento Materno Infantile dell’Ospedale Fatebenefratelli, Gabrielle Fellus, Istruttrice G5 Krav Maga, Gianfranco Quaglia, giornalista, Direttore Agromagazinee Manuela Pizzagalli, Responsabile Progetti di Innovazione Fondazione Politecnico di Milano.

Un team costruito ad arte per sviluppare l’argomento nutrizionale sotto diversi aspetti, tutti strettamente correlati tra loro; il prof. Luca Bernardo, nel suo reparto pediatrico, affronta quotidianamente problemi di sovrappeso o anoressia negli adolescenti ed il risvolto psicologico che condiziona il rapporto con il cibo; purtroppo ancora oggi questi casi sono numerosi. Gabrielle Fellus, con la disciplina del Krav Maga, in collaborazione con il reparto pediatrico, da parecchi anni svolge un’attività di sostegno per l’autodifesa sia fisica che psicologica con conseguente miglioramento dell’autostima di sé e del proprio spazio; Gabrielle Fellus si rapporta con giovani che spesso non riescono scaricare la rabbia latente e che può causare uno scorretta alimentazione. Non basta dunque produrre cibo sano, è importante anche saperlo gestire e, come dice il Prof. Luca Bernardo, “La bocca è lo specchio dell’anima”.

Gianfranco Quaglia ha affrontato il tema delle contraffazioni alimentari e del lavoro svolto incessantemente dai NAS (Nuclei anti sofisticazioni) e le relative implicazioni mafiose. L’Italian Sounding, ossia la copia del “Made in Italy”, è un problema che riguarda tutto il mondo e consiste nella realizzazione di prodotti scadenti su imitazione di quelli italiani, a costo relativamente basso, spesso realizzati da aziende italiane. Questi pessimi alimenti nulla hanno a che fare con gli originali e, ciò che è grave, è la difficoltà a rintracciarne la provenienza; quel che è peggio è che talvolta finiscono sulla tavola delle mense. Israele è uno dei pochi paesi in cui non vengono prodotti alimenti contraffatti anzi, ha esportato il suo sistema di irrigazione goccia a goccia e, proprio di recente, a Lodi sono intervenuti alcuni tecnici israeliani per la realizzazione di un impianto con questa tecnica.

Manuela Pizzagalli e il suo gruppo di ricerca del Politecnico, si occupano del packaging, per garantire la sicurezza del prodotto; studiano etichette in grado di rintracciare la filiera, etichettature che cambiano colore con il deperimento del prodotto e segnalano quando viene interrotta la catena del freddo. Il packaging sta diventando una nuova frontiera per la sicurezza alimentare, potremo conoscere l’origine del prodotto e le sue manipolazioni e persino come consumarlo per mantenere al meglio le sue proprietà nutrizionali. Il tutto potrà essere trasmesso anche attraverso un codice leggibile da un cellulare.

Il convegno si è chiuso brillantemente con una dimostrazione pratica di alcune mosse di Krav Maga tra Gabrielle Fellus e la giornalista Michela Proietti.

Paola Avigail Senigaglia

no images were found

Come puoi sostenerci

Leggi di più

Iscriviti alla nostra Newsletter