KKL Italia Onlus

News

Il KKL dona il premio Elkeles Outstanding Scientist in Medicina 2013 alla Prof.ssa Orly Elpeleg

?????? ?

Attraverso il KKL, la famiglia Elkeles continua ad essere una colonna portante nella definizione del destino di Israele.

Il KKL ha assegnato il Premio Samuel e Paula Elkeles Outstanding Scientist in Medicina 2013 al Prof.ssa Orly Elpeleg, Capo del Dipartimento di Genetica e Malattie Metaboliche presso l’Hadassah, in una commovente cerimonia all’ospedale Hadassah di Gerusalemme.

Il Presidente mondiale del KKL Efi Stenzler durante la cerimonia ha ribadito l’impegno dell’organizzazione a proseguire la concessione di questo importante premio in futuro.

Vorrei congratularmi con la Professoressa Orly Elpeleg, la quale è stata scelta come destinataria del “Samuel e Paula Elkeles Outstanding Scientist”. Tutta la popolazione di Israele trae numerosi benefici dal suo successo”, ha detto il Presidente Efi Stenzler.

La cerimonia, che ha avuto luogo Martedì 19 novembre, ha visto la partecipazione del personale dell’Hadassah, amici e ospiti illustri, tra cui la signora Barbara Goldstein, membro della direzione del KKL e il Vice Direttore dell’ufficio dell’ Hadassah in Israele.

Israele è all’avanguardia per quanto riguarda lo sforzo tecnologico e scientifico”, ha continuato Stenzler, “molti dei successi del KKL, in vari campi, si basano sulla ricerca innovativa: dal problema dell’aridità del deserto al rimboschimento, dal riciclaggio alla bonifica delle acque reflue del paese per uso agricolo, e molto altro”.

Il Dott. Ludwig Elkeles ha istituito la fondazione in memoria dei suoi genitori, Samuel e Paula Elkeles. La famiglia era originaria di Berlino, ma Ludwig e i suoi genitori lasciarono la Germania per trasferirsi in Inghilterra nel 1936 quando il regime nazista salì al potere. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, Elkeles, un economista di professione, tornò in Germania e nel corso degli anni ha sempre mantenuto un forte legame con Israele. Verso la fine della sua vita, ha espresso il desiderio di donare la sua fortuna a chi avrebbe giovato, con le proprie attività, l’opinione pubblica israeliana. Ha scelto il KKL come partner per la donazione, il quale ha utilizzato il lascito per finanziare numerosi progetti, tra cui una zona ricreativa e un parco giochi nella foresta di Gerusalemme, un belvedere panoramico a Kadesh Barnea nel Negev e il sito Mitzpe Gvulot nel Negev. Elkeles ha voluto la creazione di una fondazione speciale in memoria dei suoi genitori, che prevede un premio annuale per la ricerca medica.

Verso la conclusione della cerimonia, Stenzler ha fatto annuncio: “Il premio Elkeles è stato assegnato a eminenti scienziati negli ultimi 25 anni, ma al momento attuale, non ci sono fondi sufficienti per continuare questa tradizione. Tuttavia, nel riconoscimento dell’importanza di incoraggiare la ricerca medica, il KKL ha deciso di impegnarsi per continuare l’assegnazione del premio anche in futuro”.

Destinatario del premio di quest’anno è la Prof.ssa Orly Elpeleg, capo del Dipartimento di Genetica e Malattie Metaboliche presso l’Hadassah. Negli ultimi dieci anni, si è concentrata sulla scoperta del gene di un gran numero di malattie rare.

Il Dott. Avigdor Kaplan, Direttore Generale dell’Hadassah Medical Organization, ha detto che vedendo i bambini che soffrono è ciò che ha motivato il Prof. Elpeleg per cercare di scoprire le origini delle loro malattie.

Il Prof. Yaakov Naparstek, capo della Divisione di Medicina presso l’Hadassah, ha ringraziato il KKL e la famiglia Elkeles per l’assegnazione del premio. “È mia ferma convinzione che la ricerca biomedica debba essere condotta in centri medici come l’Hadassah, dove è possibile passare dal banco di ricerca al letto del paziente e viceversa”.

Non c’è ricerca senza convinzione. Fede nella vostra capacità personale, fede nei vostri partner e fede nel vostro obiettivo. Voglio ringraziare il KKL e la famiglia Elkeles, non per avermi scelta per il premio, ma per evidenziare la nostra la ricerca”. Ha concluso, commossa, la Prof.ssa Orly Elpeleg.

Come puoi sostenerci

Leggi di più

Iscriviti alla nostra Newsletter