Uno studio conferma che l’acqua ha una doppia forma

ottobre 31 2013

lacqua

Alcuni dati sperimentali, recentemente, hanno dimostrato che le molecole che costituiscono l’acqua, una volta che questa viene posta all’interno di un contenitore, assume delle diverse forme di organizzazione. Questo studio conferma la teoria, già elaborata 15 anni fa, sulla duplice forma dell’acqua.

Lo studio è stato elaborato dai ricercatori dell’Istituto nazionale di ottica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ino-Cnr), in collaborazione con il Laboratorio europeo di spettroscopie non lineari (Lens) e l’Università di Firenze.

Una volta verificato che l’acqua, a contatto con un contenitore, assume un comportamento diverso rispetto ad altri liquidi, lo studio si prefigge di dimostrarne i motivi.

Ricorrendo alla tecnica spettroscopica basata su sorgenti laser ultraveloci, i ricercatori hanno dimostrato che l’acqua allo stato liquido non prende solo la forma del contenitore, ma ne assume anche una ulteriore.

Roberto Eramo di Ino-Cnr spiega: “L’acqua assume due forme, una più strutturata, simile al ghiaccio, e una più disordinata. Questa doppia natura rende l’acqua un elemento complesso da descrivere attraverso modelli matematici e potrebbe spiegare le sue caratteristiche anomale rispetto a tutti gli altri liquidi.

Da cosa dipende questo dualismo?

I responsabili sono i  legami a idrogeno presenti tra le molecole, responsabili anche, ad esempio, del galleggiamento del ghiaccio sull’acqua, che formano all’interno della massa di acqua liquida una struttura spaziale simile a quella di un solido ma temporanea. Renato Torre dell’Università di Firenze sottolinea che la temporaneità della struttura spaziale appena descritta è data con un intervallo di vita dell’ordine del millesimo di miliardesimo di secondo. Torre aggiunge: “L’importanza di queste strutture transienti cresce al diminuire della temperatura, quando il legame a idrogeno diventa sempre più forte rispetto al moto di agitazione termica delle molecole”.

Gli esperti hanno effettuato molti esperimenti su acqua purissima ad una temperatura di -28° ma in forma liquida e hanno dimostrato che l’acqua ha un duplice comportamento quando viene raffreddata. In essa coabitano due configurazioni locali come se si trattasse di due forme d’acqua dotate di diversa densità e regolarità della distribuzione spaziale.

Tag: acqua

Leggi le altre news su: Ecosostenibilità
Social