Rosh Ha Shana 5775, gli auguri del Presidente Sassun

settembre 24 2014

Kkl

L’anno che volge al termine ha avuto dei momenti drammatici. Israele è dovuto entrare in una guerra non voluta e non cercata. Anche in quest’occasione il KKL ha dimostrato le proprie potenzialità e capacità nell’aiutare la popolazione civile e nella ricerca proattiva della pace e del dialogo. Il nuovo anno che accogliamo, il 5775, è un anno palindromo.

Questo simbolico cerchio chiuso, spero sia di buon auspicio alla chiusura e al successo dei colloqui di pace, in Israele e nel mondo, per arrivare ad essere in armonia con gli altri popoli, con i nostri vicini e, ultimo ma non meno importante, con la natura che ci circonda e che sopporta con un dolore silenzioso le continue violenze nei suoi confronti. Auguro a tutti noi di riuscire ad aprire gli occhi, e di vedere la bellezza del mondo, di raggiungere i traguardi più elevati, di cambiare il verso da distruzione a costruzione e di poter condividere tutto ciò con gli altri.

Quando si abbatte una quercia, la sua caduta echeggia in tutta la foresta, ma cento ghiande possono essere seminate in silenzio da un venticello che nessuno nota.

Shanà Tovà

Raffaele Sassun

Tag: kkl, kkl italia, rosh ha shana

Leggi le altre news su: KKL
Social