Maccabiadi: la delegazione australiana pianta un albero

luglio 17 2013

delegazione australiana

Quando sono sbarcati in Israele i membri della delegazione australiana, non hanno avuto la fretta di andare dritti nelle loro camere d’albergo per riposarsi dopo 28 ore di volo, ma hanno preferito andare a piantare gli alberi.
Dopo l’atterraggio all’aeroporto di Ben Gurion nelle prime ore del mattino, si sono diretti nel centro del KKL, nella foresta di Nahshon.
Piantando alberi nel territorio israeliano, questi atleti australiani hanno ricordato a tutti lo spirito incarnato nel Maccabiah: il collegamento tra gli ebrei della Diaspora e Israele. Questo è stato allo stesso modo lo spirito del KKL durante tutti gli anni della sua attività e la piantagione di alberi è uno dei modi migliori per esprimerla.
“Piantare un albero è la migliore accoglienza possibile israeliana e sono sicura che nei giorni a venire avremo molte vittorie, faremo nuove amicizie e vivremo esperienze indimenticabili”, ha detto Lisa Borowick, presidente del Maccabi Australia.
Ogni quattro anni oltre 9.000 atleti, provenienti da 72 paesi del mondo, vengono in Israele per competere nei vari eventi sportivi delle “Olimpiadi Ebraiche”. Quest’anno, nella 19° edizione, il luogo designato è Gerusalemme.
“Il nostro obiettivo è quello di collegarci con Israele e con i nostri fratelli ebrei di tutto il mondo”, ha spiegato Harry Procel, capo della delegazione australiana. “Prendere parte alle Maccabiadi è un’esperienza che i membri della delegazione si ricorderanno per tutta la vita”.
Taryn Levin e Talia Borowick, due delle giovani atlete, hanno letto la Preghiera del Piantatore con grande entusiasmo, poi è venuto il momento per il quale tutti si erano riuniti nella foresta: era ora di iniziare a piantare. Ognuno ha scelto un giovane alberello verde per poi mettersi al lavoro.
“Questa è la prima volta che ho piantato un albero in Israele”, ha detto la 15enne Kate Woods. “Nel momento in cui le mie mani hanno toccato terra mi sono sentito subito a casa, nonostante il lungo viaggio che avevamo fatto e l’enorme distanza che avevamo coperto.”
Per la sedicenne Michali Aizen quella era la sua seconda visita in Israele. Visitarla come membro della delegazione Maccabi è, tuttavia, un’esperienza completamente nuova: “E ‘eccitante essere in Israele e piantare un albero qui”, ha detto.
I visitatori più anziani australiani hanno ricordi dolorosi della 15° Maccabiade nel 1997, quando un ponte sul fiume Yarkon crollò; quattro membri della delegazione australiana persero la vita e decine di altri rimasero feriti. Sulla scia del disastro, l’Australia ha lavorato per promuovere una serie di progetti volti a riabilitare il fiume Yarkon e ripulire le acque inquinate. Ora, durante la 19° Maccabiade, sulle rive del Yarkon, si terrà una cerimonia commemorativa per coloro che hanno perso la vita nel disastro. Saranno presenti i membri della delegazione australiana, l’ambasciatore australiano in Israele, il presidente del KKL Mondiale Efi Stenzler e il sindaco di Ramat Gan.

Tag: alberi, ambiente, australiana, delegazione, Israele, Keren Kayemeth LeIsrael, kkl, maccabiah, natura

Leggi le altre news su: Da Israele
Social