KKL: un evento di successo al UNFF10

aprile 22 2013

“Quello che stiamo facendo per le foreste del mondo non è che un riflesso speculare di ciò che stiamo facendo a noi stessi”. Mahatma Gandhi

Sono molte le persone che hanno partecipato all’evento del KKL tenuto durante la 10° edizione del “United Nations Forum on Forests” ad Instanbul, tra cui il vice ministro dell’Acqua e dell’Imboschimento in Turchia, Ismail Balan, che ha sottolineato l’importanza della cooperazione regionale per lottare contro la desertificazione. Aviv Eisenband e Gil Atzmon hanno presentato le attività del KKL nel settore del rimboschimento e della lotta contro la desertificazione.
Tra i partecipanti all’evento del KKL, erano presenti studenti e rappresentanti degli Stati Uniti, Irlanda, Finlandia, Cipro, Malesia, Egitto, Uzbekistan, Camerun, Nigeria, Laos, Myanmar e molti altri paesi che hanno manifestato grande interesse per l’esperienza e la competenza del KKL. I partecipanti hanno fatto molte domande e hanno espresso interesse a visitare Israele e ad apprendere la conoscenza e l’esperienza professionale del KKL nelle zone di rimboschimento.
Gil Atzmon e Aviv Eisenband del KKL, hanno mostrato un breve filmato sulle attività nella zona di rimboschimento, concentrandosi sulle due politiche centrali:

  • L’evoluzione della politica di rimboschimento in Israele;
  • l’imboschimento nelle zone aride basata sulla ricerca avanzata e sviluppo in Israele.

Il Consolato Generale israeliano di Instanbul, Moshe Kimchi, ha aperto l’evento e ha parlato della leadership israeliana nei settori della desertificazione, la tecnologia di acqua e di rimboschimento. Gli estratti dal discorso di Moshe Kimchi sono presentati di seguito:
L’importanza delle foreste
Le foreste hanno un enorme potenziale per fornire una moltitudine di benefici per l’ambiente e per la qualità della vita di milioni di persone. Prendersi cura delle nostre foreste è fondamentale per costruire un pianeta più sano e più prosperoso. Come ha detto il Mahatma Ghandi, “Quello che stiamo facendo per le foreste del mondo non è che un riflesso speculare di ciò che stiamo facendo a noi stessi.” Le foreste sono la linfa vitale della nostra civiltà, e proteggerle equivale a tutelare il nostro futuro su questo pianeta.

Israele per le Foreste
Lo Stato di Israele è molto orgoglioso delle sue foreste. Israele deve affrontare sfide che hanno un impatto notevole sulle foreste, come l’erosione del suolo e la desertificazione, nonostante le risorse naturali siano limitate e la piovosità è scarsa.
Israele ha sviluppato un sistema unico per gestire le sue foreste. Nel 1961, il governo ha consegnato tutte le attività di rimboschimento al KKL, una ONG che equivarrebbe al Servizio Forestale israeliano. Come risultato, KKL ha piantato oltre 240 milioni di alberi e ha introdotto norme importanti per controllare i pascoli e garantire una gestione efficace delle acque.

Lo Stato di Israele ha sempre riconosciuto il valore della gestione delle foreste e, nel corso degli anni, siamo diventati un laboratorio per l’innovativa silvicoltura. Come risultato della ricerca in ambito accademico e sul campo, Israele ha accumulato una vasta conoscenza ed esperienza nel settore della silvicoltura e degli ecosistemi. Israele ha sviluppato metodi pratici avanzati per la lotta alla desertificazione, l’implementazione di rimboschimento nelle regioni semi-aride, e servizi ecologici delle foreste a beneficio della comunità e lo sviluppo economico del paese. Attraverso politiche attive di rimboschimento, la conservazione e la gestione sostenibile delle foreste, Israele è uno dei pochi paesi al mondo che ha più alberi oggi di quanto abbia fatto un secolo fa.
Come le foreste siano un bene per Israele

Le foreste israeliane sono multifunzionali, poichè forniscono servizi di sistema multiplo per le comunità circostanti e per i sistemi ecologici. I nostri boschi offrono aree ricreative e le opportunità di eco-turismo, come il trekking e piste ciclabili, aree picnic, sentieri accessibili per persone affette da handicap, parchi naturali e parchi giochi. Israele è una società prevalentemente urbana e questi spazi aperti fungono da “polmone” del paese. L’obiettivo è quello di offrire ai cittadini la possibilità di interagire con la natura. Le comunità locali sono coinvolte nella progettazione e sviluppo di parchi e foreste, garantendo una connessione di base. Tutti questi servizi sono forniti gratuitamente.

Le nostre foreste svolgono un ruolo importante nello sviluppo economico delle regioni periferiche. I terreni forestali vengono utilizzati per il pascolo degli animali tra i cittadini nomadi di Israele, in primo luogo i beduini. Questo accordo reciprocamente vantaggioso fornisce pastori locali con il pascolo libero per i loro greggi in aree dove la pastorizia è una delle principali fonti di occupazione.

Le foreste offrono anche opportunità di occupazione in tutti i settori socio-economici, ecoturismo e nella manutenzione forestale. Migliaia di lavoratori sono assunti annualmente nel campo della silvicoltura in Israele, circa la metà dei quali sono sotto contratto annuale o stagionale. Nei settori economici bassi e nelle comunità periferiche, la manutenzione e la conservazione delle foreste fornisce posti di lavoro vitali e spesso è il mezzo principale di reddito per intere famiglie. L’Ecoturismo sta diventando sempre più popolare in Israele e molti residenti ne beneficiano finanziariamente, fornendo alloggi e l’organizzazione di attività naturali.

Le foreste, in Israele, non sono generalmente utilizzate per la produzione di legname, anche se viene prodotto come risultato di manutenzione forestale. Questo legno sottoprodotto è distribuito come legna da ardere gratuitamente ai residenti locali. Prima di Natale, KKL distribuisce anche gli alberi liberi per le comunità cristiane locali.

I nostri boschi offrono anche importanti vantaggi ecologici. Un esempio è la loro capacità di mantenere sana la popolazione delle api. Attraverso il KKL, Israele ha tenuto a bada il fenomeno mondiale conosciuto come il CCD (Colony Collapse Disorder), attraverso politiche proattive concentrandosi sul sostegno delle colonie di api locali. Per offrire una sana alimentazione agli alveari, vengono poi piantate una varietà di piante da nettare.. La diversità delle piante che producono nettare costituisce una misura preventiva volta a mantenere gli ecosistemi sani, sostenibili e i servizi di impollinazione per l’agricoltura. Inoltre, questo avvantaggia i produttori di miele commerciali locali e le api vendute nel commercio agricolo.

Far fronte alle sfide e a come Israele possa contrastare i cambiamenti climatici, una delle più grandi minacce alle foreste oggi nel mondo.
Paesi che non avevano mai avuto a che fare con la desertificazione prima d’oggi, stanno cominciando a sentire il suo reale impatto.
Israele ha sviluppato molte tecniche per amministrare, controllare le foreste nell’ambito dei cambiamenti climatici e siamo molto attivi nel condividere queste conoscenze e nel condurre programmi, corsi di scambio tecnico.

Mashav – l’agenzia israeliana per la cooperazione internazionale e lo sviluppo – tiene regolarmente seminari per condividere le nostre esperienze nel campo dell’agricoltura e delle foreste per far fronte ai cambiamenti climatici. KKL-JNF lavora anche per condividere le proprie abilità nel combattere le desertificazioni, nello sviluppo degli integrated pest management, nell’imboschimento e nella gestione degli spartiacque, con paesi come: Germania, Kazakhstan, Sud Africa, East Timor, e Turchia.
Dobbiamo riconoscere che gli ecosistemi non fanno distinzioni tra nazionalità e i cambiamenti climatici non hanno colori politici.
È nostra sincera convinzione che la conoscenza/condivisione sono le migliori strade per disegnare un percorso che ci porti attraverso un futuro sostenibile.

In questo importante forum, vorrei enfatizzare l’importanza della cooperazione mediterranea, nell’ottica del migliorare ulteriormente la comprensione degli effetti dei cambiamenti climatici sulle foreste del nostro territorio.
Una gestione sostenibile delle foreste, offre un solido appoggio per indirizzarci ed integrare il ruolo delle foreste nelle politiche e nelle strategie che siano sempre più green, abbassando l’economia del carbone.

Le foreste sono cruciali per assicurare una certezza di cibo e di nutrizione, incrementando i livelli di sussistenza e lo sradicamento della povertà e lavorando insieme su queste sfide comuni, vorrebbe dire incrementare significativamente i nostri sforzi, visto che stiamo definendo una agenda di sviluppo post 2015.

Sin dalla sua costituzione lo Stato di Israele è stato profondamente impegnato a garantire la sopravvivenza e lo sviluppo delle nostre foreste per le generazioni future. Oggi, grazie agli importanti sforzi del Forum delle Nazioni Unite sulle foreste, i governi e i cittadini di tutto il mondo, riconoscono l’urgenza della situazione. Come dice il proverbio cinese: “Il miglior momento per piantare un albero era vent’anni fa; il secondo miglior momento è ora”.
Nessuno di noi presenti, oggi, può permettersi di aspettare per migliorare lo stato delle foreste in tutto il mondo. Cerchiamo di impegnarci per lavorare insieme verso questo obiettivo comune.

Tag: ambiente, desertificazione, Keren Kayemeth LeIsrael, kkl, natura, rimboschimento, unff10

Leggi le altre news su: Da Israele
Social