Consumi di frutta e verdura velenosi!

luglio 22 2013

Frutta e verdura

Lo sapevate che si sono alcuni alimenti di uso comune che contengono delle sostanze tossiche per il nostro organismo? Ad esempio, le foglie di pomodoro possono essere velenose come i semi della mela!

Oggi abbiamo deciso di stilare una piccola lista del frutto, o della verdura, contenente delle sostanze tossiche. Sicuramente ne rimarrete stupiti, proprio come noi!

Fagioli Crudi

I fagioli non vanno mai mangiati crudi. Non tutti sanno che contengono una quantità sufficiente della tossina fitoemoagglutinina (PHA) da causare sintomi acuti, anche se ingerita in piccole dosi. I sintomi principali sono la nausea, il vomito e la diarrea. L’esordio avviene dopo poche ore dal consumo e la sintomatologia scompare dopo qualche ora. Come fare per risolvere questo problema? Bisogna lasciarli in ammollo per un paio d’ore e bollirli a 100 ° C almeno 10 minuti prima di mangiarli. La temperatura alta è capace di degradare la tossina.

Foglie di Pomodori

Le foglie del pomodoro sono velenose poichè contengono una sostanza chimica chiamata “glycoalkaloid” che causa un estremo nervosismo e forti dolori di stomaco. Se ingerite, causano disturbi digestivi ed eccitazione nervosa. Anche per gli animali possono essere altamente tossici.

Semi di Mele e Ciliegie

I semi di questi frutti sono altamente velenosi. Foglie e semi contengono glucosidi cianogeni altamente tossici per il nostro organismo.

Pisello indiano

Legume coltivato in Asia e in Africa orientale. I semi contengono quantità variabili di β-N-ossalile-L-α, β-diamminopropionico acido o ODAP, uno neurotossico amminoacido . Se consumato per un lungo periodo può causare paralisi.

Semi delle Pesche

Nei semi che rimangono all’interno del guscio, ci sono circa 88 milligrammi di cianuro. Se capita di ingoiare pezzi del guscio duro non ci sono problemi perchè è la parte che protegge dai semi.

Noce moscata

Questa spezia contiene la miristicina, un naturale insetticida e acaricida con possibili neurotossici. In dosi elevate può causare le allucinazioni, la nausea, il vomito e delle distorsioni visive.

Foglie del Rabarbaro

Le foglie del Rabarbaro contengono notevoli quantità di acido ossalico, acido corrosivo presente in molte piante. I sintomi di avvelenamento includono disturbi renali, convulsioni e, nei casi più gravi, il coma.

State attenti a quello che mangiate!

Tag: agricoltura, frutta, verdura

Leggi le altre news su: Agricoltura
Social